Tesori nascosti: nona puntata con Enrico e Federico Furlanetto Stampa
Domenica 20 Novembre 2016 13:41

Doppia presenza in studio per il nono appuntamento di “Tesori Nascosti”, in onda come di consueto ogni domenica a partire dalle ore 14.00 ed in replica il venerdì successivo a partire dalle ore 22.00, in quanto avremo il prof Enrico Furlanetto insieme al già noto figlio Federico, che con cura e perizia ci presenteranno l’organo Andrea Zeni e la storia della chiesa di San Giacomo apostolo di Savorgnano, da segnalare inoltre che il prof. Enrico insieme a valenti collaboratori ha di recente curato la pubblicazione di un corposo volume dedicato proprio alla storia della parrocchia di Savorgnano. Prof Enrico Furlanetto nativo di Pordenone il 4.09.1948, ha seguito i normali corsi di studi presso le locali scuole statali iscrivendosi poi all’Istituto per Geometri dove si è brillantemente diplomato nel 1967. Ha poi frequentato l’Università di Trieste dove si è laureato nel 1972 in Scienze Biologiche con 110/110 e lode. Ha lavorato presso l’Università di Trieste, Ospedale Infantile Burlo Garofolo, partecipando come tecnico a ricerche di notevole importanza, poi si è trasferito a Pordenone dove ha conseguito l’abilitazione per l’insegnamento di Scienze chim., fis e matematiche ottenendo in breve tempo una cattedra di ruolo presso le scuole medie. Attualmente è pensionato dello Stato italiano. Fin da giovane ha dimostrato molta propensione per la tecnica e la musica, argomenti che ha sviluppato in tempi diversi con buoni risultati nel primo campo dove ha ottenuto grandi soddisfazioni nella progettazione e realizzazione di apparecchiature a bassa frequenza anche complesse. Come attività parallela si è specializzato nelle registrazioni di musica classica e successivo editing. Ha studiato pianoforte ed organo, permanendo sempre nell’ambito dilettantistico e partecipando anche a qualche associazione. Attualmente suona l’organo regolarmente durante le funzioni religiose nella chiesa parrocchiale di Savorgnano di San Vito al Tagliamento. Nel “tempo libero” ha un’unica passione trasmessagli dai genitori: la montagna, sia in forma escursionistica che alpinistica. Pur se molto modesto arrampicatore ha potuto salire cime piuttosto importanti per vie di media difficoltà ed ha tenuto (a sua cura) per vari anni il libro di vetta sul Campanile di Val Montanaia Federico Furlanetto, classe 1985, ha cominciato a studiare pianoforte con il M°Ferruccio Maronese e ha continuato poi con il M°Daniele Dazzan, presso la fondazione musicale S.Cecilia di Portogruaro.

Diplomatosi in pianoforte sotto la sua guida, nel 2005, ha svolto attività di accompagnatore con gruppi corali, solisti e insegnato pianoforte e organo, anche presso l’Associazione Musicale “Vincenzo Ruffo” di Sacile. Ha concluso nel 2012 il diploma in Organo e composizione organistica presso il Conservatorio “J.Tomadini” di Udine, diplomandosi sotto la guida del M°Pietro Pasquini, e svolge attività di accompagnatore liturgico e solista. Nel 2010 è risultato primo classificato nella propria categoria al 1° concorso organistico nazionale “Camillo Guglielmo Bianchi” di Varzi (PV). Si dedica inoltre all’organizzazione di eventi musicali e si interessa di arte organaria. Ottenuta la maturità scientifica col massimo dei voti nel 2004, si è laureato 3 anni dopo nel corso di laurea triennale in Discipline di Arte, Musica e Spettacolo presso l’università di Udine, ottenendo il massimo dei voti e la lode. Nel 2011 ha concluso il corso di laurea specialistica nella stessa disciplina, con il massimo dei voti, e approfondendo soprattutto la materia del restauro dei documenti sonori. Dopo alcuni anni di esperienza lavorativa nel settore dell’acustica architettonica e ambientale, come tecnico competente in acustica ambientale (abilitato L.447/95), ora lavora a tempo pieno nel campo della registrazione e postproduzione audio digitale con HvF Audio Studio, piccola realtà produttiva a gestione famigliare.